Inviaci i tuoi eventi a:

Mondo F.I.SB.

< Ritorna agli articoli



Il Palio va a... scuola!

Nelle scuole


Una rappresentanza della Commissione Scuola dell’Ente Palio di Ferrara ha incontrato venerdì 15 marzo 2013 gli alunni delle classi quinte e della classe seconda della Scuola Primaria di Baura (Ferrara). 44 bambini – fra i 7 e i 10 anni - hanno infatti preso parte ad una visita guidata in Castello Estense, ultima tappa di un progetto che li ha visti impegnati in un affascinante percorso lungo la Storia antica della Città di Ferrara, dalla sua fondazione al periodo Estense.

“Con questi tre gruppi abbiamo iniziato il progetto lo scorso anno: siamo stati più volte in classe con loro e, attraverso lezioni un po’ singolari, utilizzando materiale multimediale, abbiamo raccontato loro della storia della città, di quello che era la vita all’interno delle Mura e del Castello, fino alla storia del Palio antico e della sua evoluzione moderna” hanno spiegato Riccardo Liggieri e Lena Fabbri – membri della Commissione Scuola - che stamattina accompagnavano gli studenti in erba con le loro insegnanti.

Sono più di dieci anni che l’Ente Palio entra nelle scuole portando “in cattedra” le tradizioni cittadine: sono centinaia le scolaresche che vengono così avvicinate alle radici della storia della loro città e – a quanto pare – i bambini amano essere protagonisti di questi incontri.
“Queste lezioni mi sono sembrate un viaggio nel tempo – ha commentato Luigi, della classe V B – Ci hanno fatto delle lezioni interessanti, abbiamo capito come sono successe delle cose e perché, tipo perché il Castello ha questa forma ed è sull’acqua. Se andassi indietro nel tempo poi io vorrei essere Borso d’Este, lui è stato importante qui a Ferrara, se lo ricordano tutti”.
“Io invece sarei Matilde di Canossa – replica Matilde, compagna di classe – non solo perché ho lo stesso nome ma perché contava davvero in questi posti. Mi piace che mi abbiano insegnato perché ogni anno c’è il Palio e ho capito anche tante cose della sfilata e dei costumi”.

Grazie alla disponibilità di Daniela, membro della Corte Ducale che li ha accompagnati all’interno del percorso museale del Castello nel ruolo di guida, anche i più piccoli hanno potuto apprezzare la visita. Incantati dalla “vita da favola” che si conduceva in Castello, i bambini della classe seconda hanno espresso commenti positivi: “Le prigioni mi hanno fatto paura – ha confessato uno di loro – ma il resto del Castello è bello, belle le cucine, sai quante feste si potevano fare… avevano delle stanze davvero grandi. E ben dipinte” ha concluso, riferendosi agli affreschi dei soffitti.

I progetti che l’Ente Palio conduce nelle scuole hanno una valenza culturale e sociale altissima. Ogni Contrada segue il bacino di utenza delle scuole dislocate nel proprio territorio, cercando innanzitutto di far diventare i bambini attivi conoscitori ed utilizzatori proprio territorio di riferimento, dentro e fuori le attività di Contrada.
Proponendo ai ragazzini una nuova visione spazio-temporale dei diversi angoli della città, infatti, si vuole cercare di riavvicinare questi cittadini in erba alle bellezze che Ferrara offre, così da poterle appieno apprezzare ma anche curare e difendere nel tempo.

comments powered by Disqus