Inviaci i tuoi eventi a:

Mondo F.I.SB.

< Ritorna agli articoli



San Giovanni festeggia i 90 giorni dal Palio

Cene

Domenica scorsa la Contrada di Borgo San Giovanni ha celebrato con un pranzo speciale i 90 giorni che mancano alle gare del Palio di Ferrara.

 
La grande riunione è stata anche l’occasione per presentare alla Contrada i campioni che porteranno i colori del Borgo sull’anello di Piazza Ariostea il prossimo 26 maggio.
 
Nella competizione della corsa delle Putte, per il Palio di San Paolo, San Giovanni schiererà Caterina Mangolini, 13 anni, che subentra a Chiara Manfredini, vincitrice del drappo verde dell’anno scorso ma fuori dalla gara per limiti d’età.
 
Per il Palio di San Romano, alla corsa dei Putti, vestirà i colori rosso-blu Tili Andreoli. Tredicenne, Tili prende il posto del fratello Moges – anche lui fuori dalla gara per l’età – che lo scorso anno portò in Contrada il trofeo rosso della gara.
 
I due giovani atleti si allenano all’Atletica Delta, società che coltiva da tempo un bel rapporto di amicizia con il Borgo. “Questi ragazzi sono abituati a gare più lunghe, corrono i 1.500 metri, e si allenano con costanza – ha spiegato Valerio, il loro preparatore – Certo è che la ribalta della piazza Ariostea è altra cosa rispetto ad una pista d’atletica: ci sono più stimoli ma sicuramente anche più tensioni. Noi li stiamo preparando lavorando sulle motivazioni e la serenità.”
 
Per la gara delle asine, che assegnerà il Palio Bianco di San Maurelio, San Giovanni schiera per il terzo anno di seguito Elena Zanghirati, che viene da due anni di intenso lavoro di affinamento e apprendistato.
 
Gianpaolo Chiodi, presidente della Contrada, lascia poi la chicca per il gran finale. Con la dichiarata voglia di primeggiare nella corsa dei cavalli e portare a casa il Palio Dorato di San Giorgio, Borgo San Giovanni ha ingaggiato la scuderia di Valter Pusceddu e il fantino “Tremendo”, al secolo Francesco Caria, che nel 2011 aveva vinto in piazza Ariostea cavalcando per San Giacomo e che lo scorso anno ha vinto il Palio di Acquapendente.
 
Pusceddu, presente al pranzo della Contrada, ha commentato “Siamo qui perché sia io che Francesco (Tremendo, ndr) vogliamo vincere”. Gli ha fatto eco Gianpaolo Chiodi: “41 Palii in 41 anni, questa è la legge di San Giovanni”, come a dire agli avversari “la sfida è aperta”.
 
Credits: Ferrara24ore.it

comments powered by Disqus